Crea sito

| HomepageConsigli ai neo-collezionistiIl prezzo dei s/b | Dove Conservarli | SaldaplasticaPagine spillate |

Dove conservare i sottobicchieri

All'inizio tutti abbiamo tenuto i sottobicchieri in una scatola da scarpe o magari li abbiamo messi in cornice facendoci un quadretto, poi, via via che la collezione si allarga, si sente il bisogno di organizzarla e perché no, di esporla meglio.
Le soluzioni sono due: le scatole e gli album (e una non esclude l'altra anzi è normale che convivano).
Le scatole hanno il pregio di essere più economiche e di sfruttare meglio lo spazio, gli album consentono di ammirare meglio la collezione.
Da sconsigliare invece l'uso di incorniciare i sottobicchieri in quadretti, la luce col tempo ingiallisce il cartoncino ed è nemica dei colori.

SCATOLE

scatola

Nelle scatole i sottobicchieri vanno riposti come fossero le schede di uno schedario. Le dimensioni delle scatole non sono critiche, basta che l'altezza sia sufficiente a tenere verticali i sottobicchieri, lo spazio sarà sfruttato creando un opportuno numero di colonne di sottobicchieri. Se dovete acquistare le scatole vanno benissimo quelle normalmente chiamate "portacorredi". Anche se non necessario è opportuno creare, con del cartoncino piegato sulla forma di un triangolo isoscele, un piano inclinato su una parete, in modo da poter tenere i sottobicchieri leggermente inclinati per facilitarne il controllo, sempre con del cartoncino si possono preparare dei separatori tra le colonne.
E' importante che le scatole abbiano un coperchio che chiuda bene e che non abbiano dei fori da cui entrerebbe la polvere che "macchierebbe" i bordi dei sottobicchieri in maniera molto visibile proprio perché circoscritta.
Gli appassionati di bricolage possono sostituire al cartone il legno come materiale per le scatole o addirittura adattare dei mobili come cassettoni o schedari da ufficio.

ALBUM

pagine per collezionismo

Quando parlo di album per collezionismo mi riferisco a raccoglitori ad anelli in cui si inseriscono degli inserti trasparenti con tasche apposite. In commercio ce ne sono di varie marche specifici per i sottobicchieri, con tasche quadrate, integrati poi da inserti con tasche del formato cartolina per i sottobicchieri che non entrano nella tasca quadrata e, per i più grandi, dall'inserto a tasca unica (in pratica la comune busta trasparente con foratura universale per ufficio). Attenzione che sempre nella gamma collezionismo, non specifici per i sottobicchieri, ci sono inserti con tasche doppie, sulle due facce, ma con il centrale opaco, non sono molto adatti perché possono essere usate solo per sottobicchieri con retro non stampato.
Esistono comunque sottobicchieri di forma e misure particolari che con i formati di inserti a disposizione non si riescono ad "archiviare" adeguatamente, per esempio i "Cuori" Kronenborg o gli Hoegaarden esagonali, che non entrano ne nelle tasche quadrate ne in quelle rettangolari ma sono comunque troppo piccoli per "riempire" da soli una pagina. In questo caso si può ricorre al "vecchio" metodo delle pagine spillate. Quello delle pagine spillate era un metodo molto usato prima che gli inserti per il collezionismo dei sottobicchieri diventasssero di facile reperibilità, tanto che avevo scritto una piccola "guida" per evitare gli errori più comuni.
Per i "professionisti" del bricolage c'è invece la possibilità di acquistare una saldatrice a braccio da tavolo e realizzare gli inserti saldando delle normali buste trasparenti con foratura universale da ufficio. Un indubbio vantaggio di questo sistema è che, con un po' di pratica, si possono fare le tasche di tutte le misure che ci servono.

Privacy Policy